appuntamenti, Non Sei Sola

.22/11 giornata in memoria delle vittime della prostituzione e della tratta delle donne

Mercoledi 22 Novembre 2017 alle ore 20.45 i volontari del progetto “NON SEI SOLA” dell’Ass. Albero di Cirene si troveranno insieme S.E. Matteo Maria Zuppi , alla comunità Papa Giovanni xxiii e ad altre realtà del territorio in via delle Serre, nei pressi della rotonda del camionista presso il luogo dove Christina Ionela Tepuru ha concluso tragicamente la sua vita, procedendo successivamente in cammino con flambeaux fino alla chiesa dello Spirito Santo di Lavino di Mezzo.
Christina, giovane di 23 anni, ragazza madre prostituita ha incontrato la morte inferta con dieci coltellate all’alba di una domenica mattina nel novembre del 2009. Il radunarci ogni anno in prossimità dell’anniversario di questo tragico evento è diventato per noi la GIORNATA IN MEMORIA DELLE VITTIME DELLA PROSTITUZIONE E DELLA TRATTA DELLE DONNE per affermare l’intento che “NON SI PUO’ MORIRE DI PROSTITUZIONE” e per non abbassare l’attenzione nei riguardi della violenza sulle donne ed in particolare per quelle che sono più ai margini della nostra comunità. Ricordando il monito dell’allora Cardinale Carlo Caffarra “ IN CRISTINA E’ STATA UCCISA LA GRANDEZZA DELLA PERSONA UMANA”, ci ritroveremo insieme al nostro Arcivescovo Matteo M. Zuppi per rinnovare l’ invito a non trascurare che “LE DONNE VITTIME DELLA TRATTA SONO SCHIAVE, GLI INTERESSI INTORNO A LORO SONO ENORMI E TANTE DELLE RAGAZZE CHE ARRIVANO OGGI SUI BARCONI NE FINISCONO SPESSO VITTIME, SE NON TROVANO ALTERNATIVE SERIE E CREDIBILI. COME TUTTI GLI INTERESSI, QUESTI HANNO COMPLICI E COMPLICITÀ, DIRETTE ED INDIRETTE. IL SIGNORE CI INSEGNA A NON ASSISTERE SENZA FARE NULLA O PEGGIO A GIUDICARE CON L’IPOCRISIA DEI FARISEI, MA A PROTEGGERE, AIUTARE, LIBERARE, SPEZZANDO ANCHE GLI INTERESSI CHE LE SFRUTTANO. QUESTA È LA NOSTRA PREGHIERA E QUESTO È ANCHE IL NOSTRO IMPEGNO CHE AFFIDIAMO A QUEL DIO CHE SPEZZA LE CATENE E RESTITUISCE LA PIENA DIGNITÀ”.
Attraverso tale iniziativa vogliamo rispondere all’appello del Santo Padre Francesco di non dimenticare “LE DONNE SOPRAFFATTE DAL PESO DELLA VITA E DAL DRAMMA DELLA VIOLENZA, LE DONNE SCHIAVE DELLA PREPOTENZA DEI POTENTI, LE BAMBINE COSTRETTE A LAVORI DISUMANI, LE DONNE OBBLIGATE AD ARRENDERSI NEL CORPO E NELLO SPIRITO ALLA CUPIDIGIA DEGLI UOMINI”.
In occasione del decennale della morte, Spronati dalle parole di don Oreste Benzi :” LE RAGAZZE NON VANNO CONSOLATE, MA LIBERATE. IL MALE NON VA REGOLAMENTATO, MA COMBATTUTO”. muoveremo i nostri passi insieme alla comunità papa Giovanni xxiii per promuovere la campagna “questo è il mio corpo” per la liberazione delle donne prostituite.

Scarica il volantino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.