news

Sulla stessa barca

Abbiamo deciso questo titolo per l’ultimo numero del giornalino perché queste parole di Papa Francesco pronunciate nel giorno del momento straordinario di preghiera nel tempo del covid, descrivono in maniera semplice e completa questo periodo così particolare che stiamo vivendo.  Tutti abbiamo in mente i lenti passi che Papa Francesco percorreva in salita dalla piazza verso l’entrata della Basilica di San Pietro per soffermarsi dinanzi al grande crocifisso che lo attendeva all’entrata sul sagrato, accogliendolo con lacrime di pioggia che scendevano abbondanti dal cielo e dal suo volto. Immagine e scena che raccoglieva le paure e le sofferenze di tutta l’umanità disseminata sulla terra. I problemi di oggi sono diventati problemi globali e nessuno può sentirsi al sicuro, che si tratti di un virus letale o del riscaldamento globale siamo tutti chiamati in causa. “Maestro non ti importa che noi moriamo?” è un grido che risuona nel nostro cuore in questo momento difficile e potrebbe essere facile lasciarsi andare allo sconforto, ma se siamo tutti sulla stessa barca allora con noi c’è anche Lui, Gesù. Chiamiamolo come hanno fatto gli Apostoli e avremmo la certezza che il vento si placherà. 

“E’ tempo di scegliere che cosa conta e che cosa passa, di sapere ciò che è necessario da ciò che non lo è. La preghiera ed il servizio silenzioso sono le nostre armi vincenti. “Perché avete paura? Non avete ancora fede?” L’inizio della fede è sapersi bisognosi di salvezza. Non siamo autosufficienti da soli, da soli affondiamo”. Intanto a noi crollano certezze e strutture che per secoli hanno sorretto la società ma che ora non sono più corrispondenti alla vita reale. Questo provoca smarrimento, crisi di identità, angoscia. C’è chi si arrocca al passato, alimentando come vediamo, vari fondamentalismi e c’è chi si lascia prendere dalla paura del futuro. Indietro non si torna! Dobbiamo imparare a scorgere i germi di un futuro che è ancora in gestazione. E questo noi cristiani lo dovremmo sapere, si può fare solo lasciandosi ispirare dallo Spirito Santo. Il nuovo che affiora ci sta imponendo trasformazioni che mettono in crisi i nostri modi di vivere e di pensare come pure strutture ormai sterili sia per la società che per la Chiesa. Il nostro Cardinale, l’Arcivescovo Matteo un po’ di tempo fa ci disse: “Il virus ha mandato in crisi l’egoismo non essendo possibile mettere in sicurezza sé stessi senza mettere in sicurezza gli altri. Papa Francesco ci ha messo in guardia da tre rischi: il narcisismo, il vittimismo e il pessimismo. Idolatrare sé stessi porta a far dipendere tutto dal tornaconto, a non ammettere le proprie fragilità, a farci sentire vittime e non farci sentire responsabili. Ci pensiamo troppo deboli per far qualcosa per gli altri, ma siamo esigenti per quello che ci riguarda. Si finisce per vedere tutto nero, nella carestia della speranza. Ripartire significa andare nella direzione opposta, quella della solidarietà, dell’umiltà e della speranza e io inizierei proprio dalla solidarietà ordinaria, possibile a tutti, umana e umanizzante, ricordiamoci che siamo tutti sulla stessa barca!

Secondo Papa Francesco “il rispetto è l’atteggiamento fondamentale che l’uomo deve assumere con il creato. Lo abbiamo ricevuto come un dono prezioso e dobbiamo sforzarci affinché le generazioni future possano continuare ad ammirarlo e a beneficiarne. Questa cura dobbiamo insegnarla e trasmetterla”.

Anche noi siamo chiamati a fare del nostro meglio per salvaguardare gli altri e il creato, Papa Francesco ce lo ha ricordato con la pubblicazione nel 2015 dell’enciclica Laudato Sì che ha voluto rilanciare in quest’anno speciale dedicato alla terra in quanto è convinto che rispetto per la terra e catastrofi (che siano ambientali o un virus) siano strettamente legate. Abbiamo colto questa opportunità per chiedere al professor Stefano Zamagni – Presidente della Pontificia Accademia delle scienze sociali come affrontare queste sfide globali.

Per noi rispetto per il creato significa anche rispetto per le persone che incontriamo, per i poveri, per i derelitti…qui a Bologna abbiamo avuto tanti maestri, non ultimo Padre Marella che verrà beatificato proprio quest’anno e di cui parleremo nel giornalino. Noi come associazione proviamo proprio a fare questo; prenderci cura di chi è in difficoltà attraverso l’incontro con le persone che incontriamo in strada, gli emarginati. All’interno del giornalino potrete trovare il racconto di otto modi di “portare rispetto” per i bisognosi attraverso il racconto dei nostri otto progetti. Inoltre abbiamo approfittato di questo momento difficile per raccontare delle belle storie di speranza! Durante il coronavirus le nostre attività sono andate avanti anche se in modo diverso, e attraverso il racconto dei volontari potremmo rivivere momenti di speranza nati in modo inaspettato durante il lockdown.

news

Grazie

ai referenti degli otto progetti e grazie a tutti i volontari che hanno permesso la realizzazione della festa annuale, grazie a chi ha avuto il coraggio di uscire di casa in una serata da lupi. Bisogna dire che eravamo tutti un po’ preoccupati, perchè pensare ad una serata senza cena multietnica, senza avere la possibilità di stare vicini vicini, di  scambiarci abbracci e saluti…sembrava troppo, troppo distaccato, troppo diverso.

Invece nonostante le mascherine, nonostante il distanziamento e ad aggiungersi pure il primo freddo, è stata proprio una bella festa. Il calore dei racconti degli 8 rami ha permesso si affrontare le condizioni avverse e di scoprire che anche nei momenti difficili ci si può rimboccare le maniche e far emergere il bello che c’è in noi. Gli sguardi, le voci, la musica hanno permesso di creare comunque un bel clima e per questo vi ringraziamo, perchè più che negli anni passati ci abbiamo creduto, ci avete creduto e abbiamo raccolto dei bei frutti.

Accendete le casse e cantate il ritornello della canzone che ci ha dedicato don Gabriel!

Qui la galleria fotografica per rivivere i momenti salienti


 

news

convocazione assemblea 2020

Quest’anno assemblea autunnale! Coglieremo l’occasione per fare il punto sul cammino fatto nell’ultimo anno e capire come viviamo il nostro servizio. Invitiamo i soci a rinnovare l’adesione in segreteria o la sera stessa.

Aspettiamo tutti i soci ed i simpatizzanti! Partecipa a fai partecipare!

Qui la convocazione ufficiale con l’ordine del giorno:

I Signori Soci dell’Albero di Cirene ODV sono convocati per l’Assemblea annuale il giorno 29 ottobre, alle ore 23.00 presso la sede dell’associazione in Via Massarenti 59 – Bologna, in prima convocazione e il giorno

Venerdì 6 novembre 2020, alle ore 21.00

stesso luogo, in seconda convocazione qualora occorra, per discutere e deliberare in merito al seguente Ordine del giorno:

1. Verifica dei progetti 2019, esame del rendiconto al 31 dicembre 2019 e della relazione predisposta dal Consiglio direttivo e delibere conseguenti;

2.  Programmazione per l’anno 2020/2021;

3.  Rinnovo del Consiglio Direttivo;

4.   Varie ed eventuali.

Continue reading “convocazione assemblea 2020”

news, Scuola di Italiano

AAA cercasi volontari per il doposcuola

Il doposcuola Giramondo è pronto per ricominciare! Tanti bambini stanno aspettando di potersi iscrivere per ritornare tra i nostri divertenti banchi, ma abbiamo bisogno di forze per seguire tutti i loro compiti. Quest’anno, anche a causa delle regole di distanziamento, ci servono più volontari per garantire l’iscrizione a tutti i bambini dell’anno scorso e anche di più!
Dal 16 ottobre ci saremo tutti i venerdì pomeriggio dalle 15 alle 16.30 per i ragazzi delle scuole medie e dalle 16.30 alle 18 per i bambini delle scuole elementari. Dato che gli spazi ci impongono un numero limitato, stiamo cercando di aprire anche il sabato mattina una nuova fascia oraria per le elementari.
A un volontario viene richiesta presenza costante in una fascia oraria di sua scelta, a seconda anche delle nostre necessità, e sicuramente tanta voglia di stare con i bambini!!
Se sei sempre stato interessata/o a questo tipo di servizio e ti piacerebbe aiutarci, contattaci alla mail della segreteria info@alberodicirene.org
news

Ti sei ricordato del 5 per mille?

Se credi nei nostri progetti, puoi essere partecipe in ciò che facciamo semplicemente firmando nell’apposito riquadro del modello 730 (oppure CUD o Unico) e scrivendo nello spazio preposto il Codice Fiscale 91223160374 dell’Associazione Albero di Cirene.

Nel 2019 abbiamo utilizzato le risorse per aiutare famiglie in difficoltà e per pagare le tasse universitarie di diversi studenti.

Vi raccontiamo una delle storie che sono dietro queste persone perchè è un esempio di utilizzo delle risorse del 5xmille e dell’azione della Provvidenza.

Ad esempio abbiamo pagato le tasse universitarie di Oliver, ragazzo del Camerun che ha così potuto continuare gli studi in ingegneria meccanica e che è stato ospite prima in casa canonica e poi a San Nicolò di Villola.

Fai conoscere la nostra associazione ai tuoi parenti e amici, condividi la notizia ed invitali a sottoscrivere il 5xmille.

PS: Inoltre la notizia si arricchisce di una situazione nata a causa del coronavirus e rientra nel ciclo delle “good news” che avevamo iniziato a pubblicare in questo periodo difficile: Oliver ha ricevuto da parte dell’associazione “Vet for Africa” che ha sede presso la facoltà di agraria, un PC necessario per fare il disegno meccanico e per poter così proseguire i suoi studi. Auguri Oliver e buon proseguimento degli studi!


news

L’Albero ai tempi del coronavirus

In questi mesi difficili anche noi abbiamo dovuto riorganizzarci! Pensare a delle attività senza andare incontro a chi è in strada, o poter accogliere chi ha bisogno non è stato facile, ma per quanto possibile abbiamo continuato a prestare assistenza alle situazioni più delicate, sempre nel rispetto delle norme.

Hassan consegna il pranzo da asporto

Il Centro di ascolto ha continuato a fare assistenza telefonica a chi ne aveva bisogno. La Tavola della fraternità, seppure chiusa al pubblico, grazie in particolare ad Hassan ha sfornato ogni giorno un numero crescente di piatti da asporto, consegnati attraverso il cancello a quanti ne facevano richiesta. Da circa 20 pasti giornalieri, Hassan è arrivato a preparare pasti per 60-70 persone. I numeri così alti si spiegano dalla chiusura di molte mense presenti in zona. Qui riportiamo un bell’articolo di Avvenire-Bologna 7 sull’operato di Hassan che ha dedicato gran parte delle giornate di isolamento a preparare pasti per chi bussava alla porta.

Liberi di sognare ha sospeso le attività in carcere, ma il progetto ha continuato a portare i suoi frutti grazie all’ospitalità offerta ad un detenuto a fine pena.

Per Zoen Tencarari, chi ha potuto è tornato a casa, gli altri hanno continuato la convivenza in Casa Canonica e a San Nicolò di Villola, ed i ragazzi presenti si sono offerti per condividere pasti da asporto con chi ne aveva bisogno.

Pamoja ha dovuto purtroppo interrompere l’organizzazione dei viaggi all’estero, ma ha continuato a mantenere i contatti in particolare con le missioni africane.

In questo momento così difficile, le famiglie seguite dal progetto Aurora hanno continuato ad appoggiarsi all’Albero grazie alle volontarie che hanno portato a casa delle famiglie in difficoltà i generi di prima necessità.

Il Cardinale Matteo in collegamento con i volontari di Non sei sola

Non sei sola ha dovuto interrompere le uscite in strada, ma i volontari hanno organizzato dei momenti di formazione e preghiera a distanza (ringraziamo il nostro Cardinale Matteo che ci ha onorato della sua presenza virtuale ad uno di questi incontri), mentre l’ospitalità in Casa Magdala è continuata come sempre, anzi in questo periodo così particolare sono aumentate le opportunità di lavoro, pertanto tutte le ragazze hanno avuto dei contratti per lavori temporanei, che da un lato erano tanto attesi, ma dall’altro mettevano anche un certo timore in quanto costringevano ad uscire di casa.

La Scuola di italiano ha dovuto interrompere le lezioni, ma i volontari hanno contatto gli studenti con delle call e potenziando la propria pagina FB con materiali didattici.

Per quanto riguarda il Treno dei clochard il servizio in stazione è stato sospeso, mentre sono andati avanti i servizi ai dormitori, ogni sera i volontari ed in particolare i ragazzi di Zoen Tencarari, hanno preparato una decina di kg di pasta da distribuire poi in stazione e presso i dormitori.

Grazie a tutti per l’impegno e l’inventiva che avete avuto in questo periodo così difficile!!!

Cosa puoi fare oggi

Considerando che molte attività sicuramente non riprenderanno prima di settembre…e poi chissà…per ora segnaliamo la possibilità di supportare il centro di ascolto. Se qualcuno fosse libero, in particolare il martedì e giovedì mattina può contattare la segreteria per aiutare a preparare le sportine da consegnare al cancello. Contattate la segreteria per dare la vostra disponibilità e per avere indicazioni sulle modalità del servizio.

 


 

Non Sei Sola

Donne Crocifisse

La vergogna della tratta raccontata dalla strada

Prefazione di PAPA FRANCESCO

“Vorrei che questo libro trovasse ascolto nel
più ampio ambito possibile affinché,
conoscendo le storie che sono dietro i
numeri sconvolgenti della tratta, si possa
capire che senza fermare una così
alta domanda dei clienti non si potrà
efficacemente contrastare lo sfruttamento
e l’umiliazione di vite innocenti»

Presentazione del libro venerdì 7 febbraio ore 21 presso la Sala Tre Tende della Parrocchia di Sant’Antonio di Savena Via Massarenti 59 – Bologna

 

Sarà presente l’autore don Aldo Buonaiuto

 

Ti aspettiamo! e ricordati di condividere la locandina con gli amici!

news

Rinnovo adesioni

Carissimi soci e simpatizzanti, ricordiamo che è possibile rinnovare l’adesione all’associazione per l’anno 2020 versando la quota annuale di 15 euro presso la segreteria dal lunedì al venerdì mattina, o contattando i referenti dei vari progetti.

Invitiamo tutti i volontari a rinnovare l’adesione in modo da essere coperti dall’assicurazione dell’associazione per le attività svolte. L’adesione ha durata annuale ed è valida fino al 31/12/2020.

 

Zoen Tencarari

A pranzo con Papa Francesco

I ragazzi di Zoen Tencarari sono stati ospitati da Papa Francesco per la III Giornata Mondiale del Povero.

A pranzo con Papa Francesco
L’abbraccio con Maurice

Vi invitiamo a leggere le bellissime testimonianze e a vedere la galleria fotografica. La foto dell’abbraccio di Papa Francesco con Maurice racconta più di mille parole la gioia e la bellezza dell’incontro.

Il racconto di Maurice

Domenica 17 ottobre 2019, con la sveglia puntata per l’01:45 del mattino, mi sveglio. Oggi sarò rappresentante di Casa Canonica a tavola col Papa, al grande pranzo in occasione della III GIORNATA MONDIALE DEI POVERI al Vaticano. L’effetto di questa consapevolezza ha posto in me un certo stato d’ansia, la mia mente non era affatto pronta per un evento simile e probabilmente quel posto sarebbe spettato a qualcun altro piuttosto che a me. A mio malgrado, ma allo stesso tempo con un enorme senso di gratitudine, la scelta è stata presa in quattro e quattr’otto per questioni di tempo legate alle comunicazioni con le autorità vaticane e con la loro agenzia di sicurezza.

Perciò non mi resta altro che prepararmi al meglio, per un incontro così strano, inaspettato, immeritato, nonostante non sapessi proprio come muovermi di fronte a Francesco (come semplicemente lui stesso vuole essere chiamato).

Solo due frasi mi sovvengono alla mente, il versetto 52 del magnifico Cantico del Magnificat che Maria pronuncia all’Angelo nel I capitolo del vangelo di Luca:

ha rovesciato i potenti dai troni,
*ha innalzato gli umili;

Le uniche parole che mi risuonano dentro, che una giornata come questa mi scatena, che un Papa come questo mi muove dentro quando lo penso. Nel caso dovessi parlargli, solo queste parole mi sembrano le migliori per complimentarmi con lui e per salutarlo rapidamente, entro una situazione che immagino poter essere un tumulto generale, nonostante la prossimità e la vicinanza data dallo stesso tavolo su cui avremmo condiviso lo stesso pasto.

Si parte poco dopo le 02:30 del mattino, con ancora l’oscurità che domina sulla nostra Bologna, in direzione di Città del Vaticano.

A Roma ci attendono già alcuni di noi: Sharam a Roma per motivi di lavoro, Marta, Simone e Federica coi loro bimbi.

L’atmosfera in questa partenza è un po’ spenta data l’ora, ma senza troppi “salamelecchi” si parte con due furgoni e una macchina alla volta della nostra Santa destinazione.

Un imprevisto sospende il nostro viaggio per più di 3 ore, perché prima dell’uscita autostradale di Arezzo, un albero caduto ha dato origine ad uno smottamento che ha interrotto la viabilità sulla nostra direzione di percorrenza. E in un gruppo, come quasi sempre accade, c’è chi si agita, c’è chi è tranquillo e chi addirittura dorme.

Alle 07:15 circa si riparte, anche se a quell’ora saremmo già dovuti “sbarcare” a Roma per reperire i pass ufficiali che ci avrebbero concesso l’accesso alla Santa Messa in San Pietro e al successivo pranzo in Aula Paolo VI (Aula Nervi). Per fortuna i nostri amici già a Roma riescono a prendere i pass per tutti quanti.

Alle 09:15 circa, arriviamo a Roma, in un parcheggio sotterraneo davvero vicino a Piazza San Pietro.

Raggiungiamo e salutiamo gli amici in nostra attesa e iniziamo, non senza problemi, ad accedere alla Basilica, per la celebrazione dell’Eucarestia delle ore 10:00 presieduta da Papa Francesco.

Nel messaggio del 13 giugno 2019 in cui il Papa annuncia la III Giornata Mondiale dei Poveri, egli usa le seguenti bellissime parole:

«Nella vicinanza ai poveri, la Chiesa scopre di essere un popolo che, sparso tra tante nazioni, ha la vocazione di non far sentire nessuno straniero o escluso, perché tutti coinvolge in un comune cammino di salvezza. La condizione dei poveri obbliga a non prendere alcuna distanza dal Corpo del Signore che soffre in loro. Siamo chiamati, piuttosto, a toccare la sua carne per comprometterci in prima persona in un servizio che è autentica evangelizzazione. La promozione anche sociale dei poveri non è un impegno esterno all’annuncio del Vangelo, al contrario, manifesta il realismo della fede cristiana e la sua validità storica. L’amore che dà vita alla fede in Gesù non permette ai suoi discepoli di rinchiudersi in un individualismo asfissiante, nascosto in segmenti di intimità spirituale, senza alcun influsso sulla vita sociale (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 183)».

Quella stessa mattina, nell’Omelia che il Papa fa, vi sono invece le sue seguenti parole:

«I poveri sono preziosi agli occhi di Dio perché non parlano la lingua dell’io: non si sostengono da soli, con le proprie forze, hanno bisogno di chi li prenda per mano. Ci ricordano che il Vangelo si vive così, come mendicanti protesi verso Dio. La presenza dei poveri ci riporta al clima del Vangelo, dove sono beati i poveri in spirito (cfr Mt 5,3). Allora, anziché provare fastidio quando li sentiamo bussare alle nostre porte, possiamo accogliere il loro grido di aiuto come una chiamata a uscire dal nostro io, ad accoglierli con lo stesso sguardo di amore che Dio ha per loro».

Al termine della messa, 1500 persone a passo lento si incamminano verso la Sala Nervi in cui verrà servito il pranzo, categoricamente senza carne di maiale, per consentire a tutti di poter mangiare al di là di ogni barriera religiosa o culturale.

Appena entro nella Sala, il mio stato di agitazione inizia a crescere; per fortuna scorgo Don Mario che mi cerca, per affidarmi alle persone che si occupano della tavola a cui pranzerà il Papa e per assicurarsi che io mi senta a mio agio ad affrontare il pasto. Don Mario mi invita a riferire al Papa che il nostro Cardinale Matteo lo saluta. Assieme ad una ventina di persone da tutta Italia mi siedo, completamente confuso, in attesa che Francesco concluda la celebrazione dell’Angelus dalla ben nota finestra che spesso vediamo al TG dei nostri pranzi domenicali. Accompagnati dalle bellissime voci e dall’accompagnamento pianistico di un coro di soli bambini, nell’attesa, familiarizzo coi compagni di tavola più vicini.

Mons. Fisichella, organizzatore di questa giornata, prende il microfono e raccomanda tutti i presenti di mantenersi il più possibile ai tavoli a loro assegnati, per non creare problemi di sicurezza.

Francesco entra e un fragore di battiti di mani e di grida festose esplode nella Sala. Nonostante il monito appena pronunciato da Mons. Fisichella, le persone non resistono dall’avvicinarsi al Papa, che giunto alla sua tavola, saluta ad uno ad uno tutti i presenti, e mi regala un abbraccio che ricorderò per sempre…

Faccio giusto in tempo a staccarmi dall’abbraccio, a guardarlo negli occhi, a sorridere e a dirgli “Vengo dalla Parrocchia di Sant’Antonio di Savena di Bologna, Il Cardinal Zuppi la saluta..” e il Papa ride silenzioso, quasi di una timida soddisfazione, come se stesse dicendo “aaah, certo, lo conosco bene Matteo” e procedendo in cerchio continua a salutare gli altri commensali fino a che non giunge al suo posto, distante da me, al centro di questo bellissimo tavolo ovale.

Da lì in poi mi perdo a guardarlo, anche se ogni tanto riesco a dare una sbirciata ai compari Canonici e a Don Mario che, fortunatamente, pranzavano tutti in due tavoli a meno di cinque metri dalla mia sedia.

Vengono servite le lasagne, vien servito il pollo col purè, il tiramisù e il caffè.

Mentre mangio disorientato, non riesco a far altro che a guardare Francesco, in tutta la sua umanità, a qualche metro da me, seduto, col tovagliolo sulla talare bianca, Francesco che come me ha una tridimensionalità reale, che come me deve mangiare, deve bere potendo scegliere fra acqua, coca e fanta.. e vedo che subito, nonostante la sua alta carica di importanza globale, si interessa ai suoi commensali, gli ultimi, i discriminati, i soli, i diversi, i malati e riesco a captare che ad ognuno chiede la provenienza e, arrivando a me dice: “te me l’hai già detto, Bologna, è vero..”.

Tante persone riescono a salutare comunque Francesco, ma la precedenza ai bambini e ai disabili.

Fra il tiramisù e il caffè avrei voluto andare lì anche io per abbracciarlo ancora e per ripetergli quelle parole del Magnificat che mi erano venute alla mente quella stessa mattina a notte fonda. Sbircio nuovamente in direzione dei fratelli canonici e incrocio lo sguardo di Tommy che mi dice “Vai, vai, vai a salutarlo!!!”, allora scatto in piedi, chiedo a Fisichella l’autorizzazione per avvicinarmi e mi lascia passare. Arrivato da Francesco mi chino su un ginocchio e gli parlo dicendogli: “Santo Padre, io sono originario del Madagascar, ma come le ho detto prima vengo da Bologna e volevo solo dirle che è bello vedere che a Capo della Chiesa vi siano persone umili come lei, come Zuppi a Bologna, davvero serve dei servi…”, Francesco ride, contento e mi dice: “Io, noi, invece dobbiamo ringraziare te, perché nonostante la Croce che Gesù ti ha dato, ogni giorno combatti e lotti, infondendo coraggio a quelli che ti circondano e a quelli che incontri”.

Non so se combatto e lotto tutti i giorni, non so se davvero infondo coraggio, ma le parole del Canto del Magnificat dovevo dirgliele e.. invece.. mentre ero lì, mi sono venute alle labbra solo parole veloci di ringraziamento, ma dal profondo del cuore…

Torno al mio posto e il Papa si alza per andarsene, e immediatamente la folla rompe le barriere dei corpi degli agenti di sicurezza e dei giovani volontari della giornata, ma lui, riesce comunque ad uscire dalla Sala da una porta che verrà immediatamente chiusa. Al di là, probabilmente qualche guardia Svizzera e qualche agente.. Riesco ad uscire assieme a Gio Serm, e in lontananza vedo il Papa che solo, va forse verso casa sua, verso Casa Santa Marta, a piedi, nei cortili del suo Regno, come un uomo, come me, come noi, Vicario di Cristo in Terra al termine di una giornata in cui ci spiega che Gesù è nei Poveri e che non ci si può scordare di loro…