news, Non Sei Sola

Aggiornamenti da Non sei sola!

Negli ultimi mesi, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia, il progetto ha continuato le sue attività nel rispetto delle varie norme e ci piace condividere quanto è stato fatto!

Da ottobre 2020 a febbraio 2021 sono state fatte 43 uscite serali e negli ultimi due mesi abbiamo sperimentato 5 uscite diurne, in quanto il fenomeno dello sfruttamento è cambiato (per andare incontro al coprifuoco serale delle 22) e abbiamo deciso di aggiungere uscite diurne, per avere comunque modo di incontrare le ragazze con i gesti semplici ed umani che accompagnano questo servizio. A seguito delle uscite diurne, 3 ragazze nigeriane hanno chiesto un colloquio. Con una di loro (di Reggio Emilia) è stato fatto un primo incontro prima che iniziasse la “zona rossa”; per quanto riguarda le altre due ragazze, che attualmente non dovrebbero essere in strada: per una di loro (che viene sempre da Reggio Emilia) si è in attesa di poter tornare a pianificare un incontro appena ci sarà la possibilità di muoversi; l’altra, che viene da Ferrara e che per telefono ci ha espresso, oltre al desiderio di cambiar vita, anche alcune esigenze più materiali legate a questo momento, è stata messa in contatto con una rete di volontari presenti a Ferrara per poter fornirgli un sostegno, in attesa poi di poterla incontrare.

In questo periodo abbiamo svolto 2 incontri di sensibilizzazione: uno online il 24 gennaio, con il gruppo scout di Reggio Emilia ed uno il 15 febbraio presso lo studentato gestito dalle suore Canossiane che ospita qui a Bologna studentesse universitarie.

Nel weekend del 6-7 febbraio e per il giorno di Santa Bakhita (8 febbraio) abbiamo organizzato una vendita di primule per autofinanziamento destinati al sostegno materiale dell’Unità di strada e di Casa Magdala ed abbiamo raccolto circa 1.300 euro.

L’8 febbraio, il giorno di Santa Bakhita abbiamo celebrato in parrocchia ed on-line una messa in ricordo della santa e di tutte le vittime di tratta

Abbiamo organizzato un incontro con Cecilia e Alice, operatrici di Casa S. Bakhita dell’Ass. Papa Giovanni XXIII, che ci hanno parlato della vita nelle case di accoglienza che ospitano ragazze vittime di tratta, portandoci la loro esperienza diretta.

E a Casa Magdala cosa succede? In questo momento la volontaria Greta, sta facendo vita di condivisione in casa con due ragazze nigeriane accolte, le quali stanno ancora cercando lavoro impegnandosi nel frattempo nello studio della lingua italiana. In questi mesi le volontarie esterne hanno continuano a mantenere i contatti con le ragazze in casa attraverso momenti in presenza o online a seconda del periodo, mentre Greta mantiene i rapporti con l’associazione frequentando settimanalmente gli incontri con le altre case comunitarie (casa canonica, casa san Nicolò, Casa del Nardo).

 

Stay connected – stay tuned 😉

news, Non Sei Sola

Buon compleanno Casa Magdala!

Grazie dei tanti anni trascorsi insieme. Grazie del dono che ci fai di poter accogliere e rigenerare le sofferenze di donne sopraffatte dalla violenza, dalla povertà, dall’abbandono, le affidiamo alla protezione di Santa Bakhita. Grazie casa Magdala per il dono di tante giovani ragazze volontarie che hanno scelto di mettersi in gioco, di camminare fianco a fianco con la sofferenza, il dolore, le difficoltà , mettendosi a servizio di un bene superiore, per crescere personalmente e contribuire a costruire un mondo diverso, migliore, secondo il comandamento dell’amore che ci ha lasciato Gesù. Auguri Casa Magdala, ti vogliamo bene e speriamo tanto di poter continuare a camminare insieme a te nel bene e nel male.

 

 

news, Non Sei Sola

Santa Giuseppina Bakhita

Più conosciuta come “mamma Moretta” portò per tutta la sua vita 144 cicatrici, che le avevano fatto dopo essere stata rapita e fatta schiava quando aveva circa nove anni. Sono le cicatrici che portano sul corpo e nell’anima le tante donne che scappano dalla violenza e dalla schiavitù moderna alimentata da una cultura della mercificazione. Uomini e donne ridotti a corpi da vendere e comprare. Incoraggiati dalle parole di Papa Francesco: “Le testimonianze delle vittime che hanno il coraggio di rompere il silenzio sono un grido di richiesta di aiuto che non possiamo ignorare.” , la nostra associazione nell’ambito del programma di iniziative dal titolo “dall’8 febbraio all’8 marzo” promosso dai volontari e dalle volontarie del progetto NON SEI SOLA , il giorno 8 febbraio si unirà alle tante iniziative di preghiera contro il traffico di esseri umani, continuando l’impegno di accoglienza a CASA MAGDALA, per offrire alle donne vittime di tratta la possibilità di essere protette dalla violenza e di ricucire le ferite inferte dall’indifferenza della società.

Non Sei Sola

Donne Crocifisse

La vergogna della tratta raccontata dalla strada

Prefazione di PAPA FRANCESCO

“Vorrei che questo libro trovasse ascolto nel
più ampio ambito possibile affinché,
conoscendo le storie che sono dietro i
numeri sconvolgenti della tratta, si possa
capire che senza fermare una così
alta domanda dei clienti non si potrà
efficacemente contrastare lo sfruttamento
e l’umiliazione di vite innocenti»

Presentazione del libro venerdì 7 febbraio ore 21 presso la Sala Tre Tende della Parrocchia di Sant’Antonio di Savena Via Massarenti 59 – Bologna

 

Sarà presente l’autore don Aldo Buonaiuto

 

Ti aspettiamo! e ricordati di condividere la locandina con gli amici!

news, Non Sei Sola

Inaugurazione del monumento in memoria delle donne vittime di tratta

Mercoledi 27 Novembre 2019 alle ore 20.30 i volontari del progetto “NON SEI SOLA” e la comunità Papa Giovanni xxiii, si ritroveranno insieme al Cardinale Arcivescovo di Bologna S.E. Matteo Maria Zuppi presso il luogo dove Christina Ionela Tepuru, giovane donna di 23 anni, ragazza madre prostituita, assassinata all’alba di una domenica mattina nel novembre del 2009, ha concluso tragicamente la sua vita.   

Il radunarci ogni anno in prossimità dell’anniversario di questo tragico evento, insieme a diverse realtà del territorio ed in particolare con la comunità rumena Greco Cattolica, è un’occasione di MEMORIA DELLE DONNE VITTIME DI TRATTA.

Ricordando il monito dell’allora Cardinale Carlo Caffarra “in Cristina è stata uccisa la grandezza della persona umana”, vogliamo rinnovare l’invito di Papa Francesco a non dimenticare “le donne sopraffatte dal peso della vita e dal dramma della violenza, le donne schiave della prepotenza dei potenti, le bambine costrette a lavori disumani, le donne obbligate ad arrendersi nel corpo e nello spirito alla cupidigia degli uomini“.

Spronati dalle parole don Oreste Benzi:  ”le ragazze non vanno consolate, ma liberate. Il male non va regolamentato, ma combattuto”, ci ritroveremo per rinnovare l’invito del Cardinale Arcivescovo di Bologna a non dimenticare il fatto che “le donne vittime di tratta sono schiave, gli interessi intorno a loro sono enormi e tante delle ragazze che arrivano oggi sui barconi ne finiscono spesso vittime, se non trovano alternative serie e credibili. Come tutti gli interessi, questi hanno complici e complicità, dirette ed indirette. Il Signore ci insegna a non assistere senza fare nulla o peggio a giudicare con l’ipocrisia dei farisei, ma a proteggere, aiutare, liberare, spezzando gli interessi che le sfruttano.”

In occasione del decennale della morte di Christina le associazioni promotrici, insieme alle autorità civili e religiose affideranno alla città di Bologna l’inaugurazione del monumento a memoria delle donne vittime di tratta, affinché la difesa della vita e della dignità delle donne coinvolte da questa moderna schiavitù, diventino patrimonio comune di tutta la cittadinanza.

Programma:

– Ore 20.00 raduno nella chiesa parrocchiale dello Spirito Santo in Via Marco Emilio Lepido, 216
– Ore 20.30 Arrivo del Cardinale Arcivescovo partenza della Via Crucis costituita da 6 stazioni, soste di circa 8 minuti l’una come sono numerate e indicate nel foglio mappa qui allegato. L’ultima stazione, cioè la VI è posta all’entrata del cancello dell’Agriturismo per poi proseguire ancora per 100 mt fino a dove è sito il monumento in via delle Serre.
– Ore 22.15 conclusione con discorso del Cardinale e Benedizione
– Ore 22.20 presso il cancello dell’Agriturismo distribuzione di un tè caldo.

 

Sotto le indicazioni per arrivare

Condividi il volantino con tuoi amici e su Whatsapp in formato jpg o pdf

Nella pagina Dicono di noi trovate i servizi dei tg


news, Non Sei Sola

Via Crucis con il Cardinale per ricordare Christina

Dieci anni fa Cristina, ragazza costretta a prostituirsi sulle strade della nostra città, veniva assassinata da un cliente. Per ricordare lei e per ricordare tutti gli atti di violenza commessi contro le donne, considerando che la memoria contribuisce a costruire la memoria del rispetto, l’Albero di Cirene organizza una via crucis guidata dal Cardinale Arcivescovo Matteo Maria Zuppi che si terrà il giorno 27 novembre con il seguente programma:

– Ore 20.00 raduno nella chiesa parrocchiale dello Spirito Santo in Via Marco Emilio Lepido, 216
– Ore 20.30 Arrivo del Cardinale Arcivescovo partenza della Via Crucis costituita da 6 stazioni, soste di circa 8 minuti l’una come sono numerate e indicate nel foglio mappa qui allegato. L’ultima stazione, cioè la VI è posta all’entrata del cancello dell’Agriturismo per poi proseguire ancora per 100 mt fino a dove è sito il monumento in via delle Serre.
– Ore 22.15 conclusione con discorso del Cardinale e Benedizione
– Ore 22.20 presso il cancello dell’Agriturismo distribuzione di un tè caldo.

Verrà inaugurato il monumento in ricordo di tutte le donne vittime della tratta

Sotto le indicazioni per arrivare

Condividi il volantino con tuoi amici e su Whatsapp in formato jpg o pdf

news, Non Sei Sola

insieme contro la tratta

Il giorno 9 febbraio, in occasione di Santa Bakita ricorre la giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta.

L’Albero di Cirene , insieme al Comune di Piacenza, la Diocesi di Piacenza e la Cisl parteciperà alla giornata promossa dalla PGxxiii a Piacenza nell’ambito della campagna di sensibilizzazione “Questo è il mio corpo”.

Appuntamento alle 16:30 a Piacenza in Via pubblico passeggio, corso V. Emanuele (angolo liceo Respighi).

Durante la fiaccolata ci saranno momenti di riflessione e animazione tra cui l’intervento di Don Mario su “I clienti incontrati in carcere” e le canzoni di Tommaso Carturan.

news, Non Sei Sola

Rosario per Christina

Oggi come ieri è importante che ogni singolo atto di violenza contro una donna, a partire da quelle più indifese, non sia dimenticato perché la memoria contribuisce a costruire la cultura del rispetto.

Scarica la locandina e condividila

E’ per questo motivo che,  Lunedì  26 Novembre 2018 alle ore 20.45, i volontari del progetto “NON SEI SOLA”, si ritroveranno insieme a , alla  comunità Papa Giovanni xxiii e ad altre parrocchie e realtà del territorio, in via delle Serre, Quartiere Borgo Panigale, nei pressi della rotonda del camionista, luogo dove, nel novembre del 2009, Christina Ionela Tepuru è stata assassinata.

Successivamente ci dirigeremo in cammino con flambeaux  alla Chiesa dello Spirito Santo di Lavino di Mezzo.

Il  radunarci ogni anno in prossimità dell’anniversario di questo tragico evento è un modo per conservare la memoria  delle tante vittime della tratta degli esseri umani ed in particolare delle donne prostituite.

Quest’anno, aderendo alla campagna promossa dalla C.E.I.  “LIBERI DI PARTIRE , LIBERI DI RESTARE”, vorremmo portare all’attenzione della comunità, della cittadinanza e della politica, il tema della TUTELA DELLA VITA NELLA TRATTA DEGLI ESSERI UMANI.

Partendo dalle periferie della città e dall’incontro con le marginalità esistenziali, ci auguriamo di costruire un percorso di comunità  per riscoprire  valori universali e tracciare  insieme sentieri di solidarietà, vie di fuga, corridoi umanitari, percorsi protetti ed approdi sicuri per chi scappa dalla violenza e dalla povertà, da paesi lontani fino alle porte di casa nostra.

Non Sei Sola

2 giorni di formazione per Non sei sola

Questo weekend, presso il convento dell’Osservanza si terrà la due giorni di riflessione di Non sei sola sui temi della tratta degli esseri umani

Sabato 10 novembre, ore 15:00 interviene Irene Ciambezi della Comunità Papa Giovanni XXIII, che tratterà il tema “L’incontro con la persona vittima di tratta: aspetti culturali delle ragazze presenti sulle strade e gestione dei percorsi di uscita dalla tratta“.

Sabato ore 18:30 verrà celebrata la santa messa insieme a don Mario, frate Pietro, frate Franco e frate Daniele, che insieme a noi escono in strada durante l’anno.

Domenica 11 novembre, ore 11:30 interverrà l’avvocato Rosamaria Micolucci che parlerà della “Legislazione in materia di protezione nazionale e internazionale dei richiedenti asilo e vittime di tratta“.

Gli incontri si terranno presso il CONVENTO DELL’OSSERVANZA Via dell’Osservanza, 88, 40136 Bologna

Le giornate di formazione aderiscono alla campagna di sensibilizzazione LIBERI DI PARTIRE, LIBERI DI RESTARE promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana.